Gustav Klimt nel segno di Hoffmann e della Secessione

Gustav Klimt Fregio di Beethoven (particolare), 1901-1902 Materiali vari

Venezia celebra il grande maestro austriaco e fondatore del movimento Liberty, GUSTAV KLIMT in occasione del 150esimo anniversario dalla sua nascita. Per rendere omaggio ad un artista unico nel suo genere, la Fondazione Musei Civici di Venezia e il Museo Belvedere di Vienna hanno organizzato una mostra all’interno delle esclusive sale del Museo Correr.
La mostra vuole testimoniare,  attraverso la scelta di esporre insieme disegni, dipinti esclusivi, mobili e raffinati gioielli, la forte influenza che Klimt ha avuto su tutti i protagonisti che insieme a lui diedero  vita alla Secessione viennese, importante  movimento artistico che ha caratterizzato l’inizio del secolo scorso.
Parte centrale di tutta la rassegna veneziana  riguarda l’attività svolta con il  grande amico e architetto Joseph Hoffmann:  è  possibile ammirare  il Fregio di Beethoven e le decorazioni di Palazzo Stoclet a Bruxelles, due capolavori che confermano come i due maestri riuscirono a fondere insieme l’arte, la pittura e l’architettura  creando delle opere totali e uniche di grandissimo valore. 
Per  la prima volta insieme sono   presentate  al pubblico la Giuditta I , eseguita all’inizio del secolo scorso e la Giuditta II dipinta qualche anno più tardi, opere emblematiche e rappresentative del sapiente uso decorativo del colore oro che contraddistingue e caratterizza in modo sublime tutte le più note  realizzazioni del grande artista.
Fanno parte integrante dell’esposizione anche preziosi gioielli e alcuni arredi originali dell’epoca, che sono piccole “architetture di design” e che riescono a trasmettere la bellezza e la forza di una creatività veramente originale e ancora oggi irripetibile.
Il percorso alla scoperta del movimento Liberty e dell’importanza che questo ebbe nell’influenzare anche l’arte figurativa italiana dell’epoca continua all’interno  della Cà Pesaro, attraverso l’esposizione del grande ciclo decorativo Le mille e una notte di Vittorio Zecchin, e la Primavera di Galileo Chini (fino all’8 luglio).
La mostra del grande maestro può essere l’occasione per  visitare il Museo Correr che è uno dei principali musei della città,  perchè si dedica alla cultura, alla storia, arte e vita quotidiana dei suoi abitanti. Situato a Piazza San Marco, al centro della città lagunare,  al suo interno si trovano oggetti antichi, storiche mappe, documenti e opere d’arte che raccontano come vivevano le famiglie veneziane più potenti e  che da sempre hanno governato sulla città. Entrarci è come camminare nella storia   e darà la possibilità ai visitatori di capire l’evoluzione che la città ha avuto nel tempo fino ad arrivare ad essere oggi una grande città turistica e commerciale.

Caterina Parrello

Gustav Klimt Fregio di Beethoven (particolare), 1901-1902 Materiali vari - Vienna Belvedere © Belvedere, ViennaGustav Klimt Giuditta, 1901    - Olio su tela 84 x 42 cm - Vienna Belvedere © Belvedere, ViennaGustav Klimt Salomé (Giuditta II), 1909 Olio su tela 178 x 46 cm. Venezia, Ca' Pesaro - Galleria Internazionale d'Arte Moderna ©Archivio fotografico Fondazione Musei Civici di Venezia 2012Gustav Klimt Signora al caminetto, 1897-98 Olio su tela, 41 x 66 cm - Vienna Belvedere © Belvedere, ViennaGustav Klimt Girasole, 1907 Olio su tela, 110 x 110 cm - collezione privata. © Belvedere, ViennaGustav Klimt Acqua in movimento, 1898 Olio su tela, 52 × 65 cm - Galerie St. Etienne, New YorkMuseo CorrerMuseo Correr

Leggi anche

 

Inserisci un commento

  • Milano - Baglioni Hotel CarltonPrenota
  • Venezia - Baglioni Hotel LunaPrenota
  • Roma - Baglioni Hotel ReginaPrenota
  • Firenze - Relais Santa Croce Prenota
  • Baglioni Hotel Cala del Porto Prenota
  • Londra - Baglioni HotelPrenota
  • Saint-Paul-de-Vence -
    Hotel Le Saint Paul Prenota
  • Aix-en-Provence - Villa Gallici Prenota