Una visita a Tivoli e a Villa d’Este

Villa D'Este1

Il cardinale Ippolito II d'Este arrivò a Tivoli nel settembre del 1550 portando con sé una grossa dose di risentimento.  La sua candidatura per il papato era appena fallita e subito dopo gli era stata assegnata la posizione piuttosto ingloriosa di governatore di questo piccolo paese di provincia, chiaramente distante dai personaggi importanti di Roma.  Sentendosi piuttosto disprezzato, fece quello che avrebbe fatto ogni nobile che si rispetti: andò a fare shopping.

La residenza che gli era stata assegnata—parte del monastero della chiesa di Santa Maria Maggiore—non era all'altezza dei suoi standard raffinati.  Così assunse i migliori architetti, artisti e artigiani a disposizione per chi aveva denaro (soldi della Chiesa, non suoi) per aiutarlo a costruire una grandiosa villa lungo i dolci pendii di Tivoli. Era il figlio di Lucrezia Borgia, dopo tutto, e quindi aveva diritto ad alloggi all'altezza della sua discendenza.

La villa in sé è davvero grandiosa, con soffitti a volta decorati con festoni di affreschi in stile manierista tardo-rinascimentale.  In gran parte venne progettata dall'architetto napoletano Pirro Ligorio e venne realizzata sotto la direzione dell'architetto e ingegnere Alberto Galvani, l'architetto di corte degli Este a Ferrara.  Ligorio fu poi incaricato di progettare anche i sontuosi giardini, che sarebbero poi diventati il modello per i giardini europei nei secoli successivi. 

In realtà, sono proprio i giardini che attirano qui la maggior parte delle persone per indugiare in mezzo all'eleganza lussureggiante delle loro siepi scolpite, delle consunte statue e dei giochi d'acqua delle cascate.  Il pezzo principale è la cosiddetta "fontana che canta" (Fontana dell'Organo), che utilizza l'energia idraulica e pneumatica per alimentare le canne di un organo automatico che suona una melodia ogni due ore per la gioia dei visitatori.  Questi paesaggi opulenti hanno ispirato tanti artisti, da Bernini, che ha progettato una delle fontane principali nel 1661 (Fontana del Bicchierone), al compositore ungherese Franz Liszt, che ha scritto Giochi d'acqua durante la sua visita a Villa d'Este intorno al 1860. 

Se vi interessano i testi miniati, vi è anche il Museo Didattico del Libro Antico, situato sul posto e il cui ingresso è incluso nel prezzo del biglietto.  Qui è possibile osservare il processo di conservazione dei libri antichi e vedere alcuni esempi di questa arte perduta.

Tivoli offre un ambiente rilassante, non facilmente reperibile nel trambusto della Roma moderna.  Se vi stancate della folla e del traffico, provate ad avventurarvi lontano dalle attrattive storiche della città per un giorno e datevi una piccola vacanza all'interno della vostra vacanza.  Avrete la possibilità di deliziarvi in questo ambiente tranquillo, proprio come lo stesso Ippolito d'Este, e non avrete nemmeno bisogno di essere un ricco cardinale.

Come raggiungere Villa d'Este
Tivoli è facilmente raggiungibile in treno dal centro di Roma in circa un'ora.  Prendere la linea Roma-Pescara fino alla stazione di Tivoli, quindi attraversare il ponte che conduce al centro della città.  Ci sono molti segnali stradali che indicano il percorso per la villa.

Indirizzo: Piazza Trento, 5, 00019 Tivoli, Provincia di Roma, Italia

Visita della Villa e dei Giardini
Gli orari di visita sono dalle 8.30 fino a un'ora prima del tramonto.  La villa è chiusa il lunedì, nonché 1 gennaio, 1 maggio e 25 dicembre. 

La Fontana dell'Organo idraulico è attiva tutti i giorni, dalle 10:30, ogni due ore.  

Prezzi dei biglietti (dal 17 maggio al 20 ottobre 2013):

Biglietto intero (mostra + villa e giardini): € 11; Biglietto ridotto: € 7

Questi prezzi sono validi durante le aperture diurne della Villa fino alla chiusura della mostra il 20 ottobre 2013

Prezzi dei biglietti regolari (dopo il 22 ottobre 2013):

Biglietto intero: € 8; Biglietto ridotto: € 4

Villa d'Este di Notte 2013
Villa d'Este è aperta la sera ogni venerdì e sabato dal 5 luglio al 14 settembre dalle ore 20:30 fino a mezzanotte.

Potreste desiderare di combinare una visita a Tivoli con un soggiorno al Regina Hotel Baglioni Roma nel centro di Roma.

Questo è un post da ospite di Rick Zullo.  Zullo è uno scrittore, viaggiatore e insegnante di inglese part-time americano, che vive a Roma con la moglie siciliana.  Trascorre il suo tempo libero alla scoperta delle zone nascoste d'Italia e scrivendo nei blog riguardo alla sua esperienza di vita da espatriato. Rick sta scrivendo al momento una serie di libri che tentano di decifrare la cultura italiana per il mondo di lingua inglese.  Il primo di questi, "Live Like an Italian (Vivere come un italiano)", è ora disponibile su Amazon.com.  È possibile connettersi con Rick sul suo blog, su Facebook o su Twitter.

 

Villa D'Este1OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA

Leggi anche

 

Inserisci un commento

  • Milano - Baglioni Hotel CarltonPrenota
  • Venezia - Baglioni Hotel LunaPrenota
  • Roma - Baglioni Hotel ReginaPrenota
  • Firenze - Relais Santa Croce Prenota
  • Baglioni Hotel Cala del Porto Prenota
  • Londra - Baglioni HotelPrenota
  • Saint-Paul-de-Vence -
    Hotel Le Saint Paul Prenota
  • Aix-en-Provence - Villa Gallici Prenota