Cinzia Boggian e l’arte della decorazione della tavola

uova-sospese0082.jpg

Quanto è importante l’arte dell’accoglienza? Cosa rende accogliente un incontro o una tavola imbandita? Un sorriso e un’apparecchiatura decorata possono fare molto per mettere a proprio agio gli ospiti e creare la giusta atmosfera.
La decorazione della tavola è certamente legata alle occasioni speciali, ma storicamente i concetti di apparecchiatura e abbellimento, oltre che di confort, nascono in relazione alla quotidianità. La tovaglia, elemento base per la preparazione di una bella mensa, è sempre stata fin dall’antichità segno di eleganza e distinzione, mentre i primi usi del centrotavola risalgono al Settecento: inizialmente avevano finalità pratiche, divenute poi esclusivamente decorative. Nell’Ottocento cresce notevolmente il numero di accessori e oggetti legati alla tavola, grazie al fatto che la cucina e la ricettazione si fanno più complesse, mentre il Novecento vede una decisa inversione di tendenza, che riporta al centro la funzionalità degli oggetti.

Design e riferimenti all’Art Nouveau o all’Art Déco hanno influenzato il gusto più moderno, spostandolo nella direzione di linee più pulite, naturali ed esclusive. La decorazione della tavola passa quindi anche attraverso forme e oggetti semplici, non necessariamente preziosi, a patto che vengano scelti con cura e posizionati secondo buon gusto.
Quali oggetti o materiali scegliere per decorare la tavola? Gli allestimenti vanno scelti in base alla stagionalità, alle ricorrenze o alle occasioni di festeggiamento, nonché pensando agli invitati. Per creare centrotavola, segnaposti e altre decorazioni si possono selezionare materiali non edibili come ceramica, vetro, carta e plastica. Oppure si può optare per uno stile più naturale con piantine, erbe e fiori, fino ad arrivare al cibo vero e proprio. Frutta di stagione, panini, caramelle, spezie, biscotti, muffin… l’unico limite che ci si può dare è la propria fantasia.

Lo sa bene Cinzia Boggian, del ristorante stellato La Peca di Lonigo, che coinvolge i propri clienti in un percorso che va dalla dimensione gastronomica a quella estetica. Creatività e manualità caratterizzano le creazioni di Cinzia, che assembla oggetti di uso comune traendone piccole opere d’arte che accolgono, allietano e si fanno ricordare, smorzando i toni di un ristorante di altissimo livello.
Le sue creazioni sono coloratissime e semplici da realizzare anche per chi non sia del tutto esperto in materia, per abbellire la tavola delle feste, o semplicemente per rendere speciale un giorno comune.

Le decorazioni di Cinzia stanno avendo un rapido successo, tanto che la chef ha recentemente realizzato un libro dedicato, intitolato “Decorazioni Gourmet”, pubblicato da Trenta Editore (ed è stata protagonista di uno show cooking durante un importante evento food milanese. Il libro presenta le creazioni dedicate alle stagioni, alle feste più importanti dell’anno come San Valentino, Carnevale, Pasqua e Natale, ai giochi e ai bambini.

Anna Maria Simonini e Carlo Vischi

C - Cover Decorazioni Gourmet9.pdf

Leggi anche

 

Inserisci un commento

  • Milano - Baglioni Hotel CarltonPrenota
  • Venezia - Baglioni Hotel LunaPrenota
  • Roma - Baglioni Hotel ReginaPrenota
  • Firenze - Relais Santa Croce Prenota
  • Baglioni Hotel Cala del Porto Prenota
  • Londra - Baglioni HotelPrenota
  • Saint-Paul-de-Vence -
    Hotel Le Saint Paul Prenota
  • Aix-en-Provence - Villa Gallici Prenota