Identità Golose a Milano, il Congresso della Cucina d’Autore

6828802239c6fa421418z-2.jpg

Identità Golose, il Congresso Internazionale di Cucina d’Autore che si tiene a Milano curata da Paolo Marchi, è giunto alla sua nona edizione e annuncia il programma 2013 dedicato a un tema più attuale che mai:
                                 
Il valore rivoluzionario del rispetto

“Il valore rivoluzionario del rispetto – per la natura, per le materie prime, per i clienti e i loro soldi, il rispetto dei clienti verso cuochi e ristoratori, il rispetto per la verità che non è solo la nostra dal momento che lo scambio è continuo e globale e va studiato, metabolizzato, capito”. In linea, sostengono da Identità Golose, con la necessità di un approccio più rigoroso e saldamente concentrato sul gusto e sulla semplicità,  con l’orizzonte sgombro da inutili avanguardismi.


Il congresso nel 2005 è stato la prima iniziativa a portare gli chef sul palco, contribuendo negli anni a fare della cucina il nuovo totem e ridefinendo i contorni di un mestiere che, mai come oggi, vanta interpreti tanto celebri quanto una star televisiva.

Dal 10 al 12 febbraio, tre giorni di incontri e di vivace dibattito sulla cucina, sulla pasticceria e sulla pizzeria d’autore all’insegna del binomio che da sempre è alla base di ogni nuovo palinsesto:  qualità  e innovazione.
Ma ciò che mi è veramente caro di questo congresso è la capacità incredibile di trasmettere nuovi concetti, volti, nuovi stile e sempre maggiore consapevolezza a tutto il mondo che gira intorno alla Cucina d’Autore. E non sono certo l’unica che da almeno due edizioni, passa il tempo a fotografare registrare e condividere su twitter e gli altri social network ogni concetto o immagine di cui sono attenta spettatrice
 

Domenica 10 febbraio, Massimiliano Alajmo inaugurerà il programma della prima giornata che punta l’obiettivo sui  nuovi leoni della cucina mondiale chiamando sul palco giovani chef di talento in arrivo da Italia, Spagna, Francia, Svezia, Brasile e Singapore.
Parallelamente si svolgerà anche una giornata monotematica dedicata alla pasta (Identità di Pasta) e, per la prima volta, saliranno in cattedra i maestri di sala (Identità di Sala), una novità che apre una nuova prospettiva sul valore del servizio inteso come fondamentale e delicatissimo anello di congiunzione fra gli ospiti al tavolo e  chi lavora ai fornelli.
Se la sala, a differenza della cucina, appare più avara di personaggi, non mancano tuttavia figure chiave con cui aprire la discussione. I protagonisti? Ne citiamo solo alcuni : da Antonio Santini Dal Pescatore a Canneto sull’Oglio padre indiscusso del servizio italiano, a Josep Roca del Celler de Can Roca a Girona, sancta sanctorum della cucina d’avanguardia, diretto in efficace sintonia con i fratelli  Jordi (pasticcere)  e Joan (cuoco), fino ad Alessandro Pipero maitre-sommelier-patron con grandi abilità affabulatorie oggi al ristorante Pipero al Rex, a Roma.


Lunedì 11 febbraio, continuerà il viaggio nel valore rivoluzionario del rispetto con i cuochi di Italia, Europa e Mondo (da Massimo Bottura a Carlo Cracco, da Gennaro Esposito a Davide Oldani con Daniel Humm-USA, Joan Roca-Spagna e David Kinch-USA…).

Nelle due sale tematiche il congresso celebrerà parallelamente due filoni di grande attualità: Identità di Pizza (sul palco sono attesi, fra gli altri, il pizzaiolo campano Gianfranco Iervolino con la sua pizza nouvelle vague e Stefano Callegari inventore del celeberrimo e supergoloso trapizzino) e Identità Naturali con nuove voci e interpreti in arrivo dal Peru e dalla Spagna.


La giornata conclusiva di Identità Golose sarà dedicata al dessert e agli ospiti speciali. Martedì 12 febbraio grande attesa per Dossier Dessert, organizzato da otto anni a questa parte in collaborazione con Valrhona. Una sezione più dolce che mai, una cavalcata a briglia sciolta nel mondo del dessert secondo 5 grandi patissier in arrivo da Italia, Francia e Spagna che, insieme, contano ben 14 stelle Michelin: mai vista tanta “luce” sul palco in poco più di tre ore di azione!
Accadrà nel pomeriggio in Auditorium, sullo stesso palco che al mattino accoglierà gli chef della regione ospite del 2013 : le Fiandre. In collaborazione con l’Ente Turismo Fiandre Identità Golose aprirà una finestra pressoché inedita su un orizzonte goloso tutto da scoprire attraverso  4 chef e un pasticcere (Dominique Persoone forse il cioccolatiere più trasgressivo al mondo) che hanno saputo dare nuovo impulso alla cucina del nord.
Il grande meeting internazionale si riconferma nel 2013 come appuntamento ideale dedicato ad una sempre sempre più qualificata e marcata partecipazione del mondo del food.
Negli anni sono fiorite iniziative collaterali e declinazioni internazionali: Identità London e Identità New York, Identità di Libertà a San Marino e la tappa  in Cina in occasione dell’Expo di Shanghai
Identità Golose, sempre in calendario tra gennaio e febbraio, è diventato un momento irrinunciabile per tutti gli attori della gastronomia d’autore, italiana e mondiale.

Paola Sucato

Leggi anche

 

Inserisci un commento

  • Milano - Baglioni Hotel CarltonPrenota
  • Venezia - Baglioni Hotel LunaPrenota
  • Roma - Baglioni Hotel ReginaPrenota
  • Firenze - Relais Santa Croce Prenota
  • Baglioni Hotel Cala del Porto Prenota
  • Londra - Baglioni HotelPrenota
  • Saint-Paul-de-Vence -
    Hotel Le Saint Paul Prenota
  • Aix-en-Provence - Villa Gallici Prenota