Liguria, un ottimo olio tra tante difficoltà

liguria-34.jpeg

Le caratteristiche del panorama della Liguria sono conosciute da tutti: una striscia di terra, stretta tra il mare e la montagna. È questo aspetto naturalistico che afferma il paesaggio olivicolo ligure come incomparabile al mondo: terreni dislocati in forte pendenza e, per lo più, sistemati su terrazzamenti sorretti da muretti a secco.
Il percorso storico delle coltivazioni d’olivo si ripete in Liguria come in tutta l’Italia: il massimo sviluppo si raggiunge con il lavoro dei monaci benedettini. Interessante ricordare l’abbazia di Taggia, luogo in cui venne importata la tipica Taggiasca dai monaci di San Colombano provenienti dalla Provenza.


Una regione con 27.000 ettari di oliveti frammentati tra le decine di migliaia di aziende agricole. Il settore dell’olivicoltura, difatti, rappresenta un punto debole per lo sviluppo economico regionale, proprio a causa dei costi di mantenimento di questo tipo di scenario.
Le aree di maggior produzione riguardano i versanti costieri, in particolar modo la provincia di Imperia, seguita da Genova, Savona e La Spezia.  Le varietà coltivate presenti sono adeguate alle tipicità territoriali, anche se predominano la cultivar Razzola a Levante e la cultivar Taggiasca a Ponente. Si ritrova una DOP Olio Extravergine di Oliva Riviera Ligure, che comprende 3 menzioni geografiche aggiuntive: Riviera dei Fiori (con almeno il 90% di Taggiasca), Riviera del Ponente Savonese (con almeno il 50% di Taggiasca), Riviera di Levante (prodotto con almeno il 55% tra Lavagnina, Razzola, Pignola e Frantoio).


Un parametro che spesso viene confuso col sapore acidulo degli oli, ma che, invece, ha una importanza fondamentale nella classificazione degli stessi è l’acidità. Spesso i consumatori si limitano a giudicarla in maniera sbagliata. È bene specificare che nessun esperto potrà mai – nell’atto della degustazione – stabilire il livello di acidità dell’olio. Un olio extravergine prodotto nel giusto modo da olive sane avrà generalmente una acidità molto bassa.
Nonostante le voci che girano, l’olio ligure non è soltanto dolce. Molti oli offrono una intensità olfattiva vegetale, con ricordi – addirittura – di picciolo di pomodoro e anche un gusto piccante, ammandorlato. E per un sapore deciso userei un olio come questo in abbinamento al più tipico dei piatti liguri, il pesto, o su un brandacujùn, piatto a base di patate e stoccafisso.

Fausto Borella

LiguriaLiguriaLiguriaLiguria

Leggi anche

 

Inserisci un commento

  • Milano - Baglioni Hotel CarltonPrenota
  • Venezia - Baglioni Hotel LunaPrenota
  • Roma - Baglioni Hotel ReginaPrenota
  • Firenze - Relais Santa Croce Prenota
  • Baglioni Hotel Cala del Porto Prenota
  • Londra - Baglioni HotelPrenota
  • Saint-Paul-de-Vence -
    Hotel Le Saint Paul Prenota
  • Aix-en-Provence - Villa Gallici Prenota