Il Doge, governatore della laguna

Doge's Palace in Venice Photo by Dennis Jarvis

Un aspetto di Venezia che mi ha sempre affascinato è la storia dei governanti della Repubblica e della città.

Ho sempre amato il volto grigio dei dogi di quel passato così lontano, che comandavano senza avere alcun potere effettivo. Colgo quest’occasione per condividere un po’ della loro storia con voi.

Doge's Palace Photo by xiquinhosilva

Il termine Doge deriva dalla parola latina Dux, che significa comandante militare, tradotto in veneziano con Doxe fino a formare la parola Doge, che rappresenta la carica del membro eletto dal governo di Venezia, destinato a condurre e a imporre la volontà del popolo. Il primo Doge della Repubblica, Paolo Lucio Anafesto, ha assunto la sua carica nel 697; l’ultimo Doge è stato Ludovico Manin, deposto da Napoleone nel 1802.

Il ruolo e il rango del Doge durarono quasi 1200 anni, portando la città attraverso le sue fasi di fondazione, dallo sviluppo economico e imperialistico-militare fino al decentramento, all’inizio del XIX secolo.

 

Doge's Palace Photo by Sebastien Bertrand

Il Doge non aveva inoltre alcun potere nell’imporre leggi o prendere decisioni importanti, mansioni che spettavano al Consiglio dei Dieci e al governo veneziano secondo la regola della maggioranza.

Il Doge era visto come il saggio della laguna, seduto su un trono che galleggiava sulle maree della natura e sulle decisioni dell’uomo. Era la figura che parlava ai diplomatici stranieri, spiegando le posizioni di Venezia in materia di affari esteri. Si occupava inoltre di consentire o vietare i movimenti sulla terraferma di altre repubbliche e altri ducati. Il Doge apriva le feste e i cortei; era inoltre colui che, in una cerimonia simbolica, “sposava” le acque della laguna.

 

Palazzo Ducale Photo by Harsh Light

Il Doge era più di un anziano capo di stato. Era un simbolo della Repubblica, un promotore religioso e il protettore dell’impero e dei traffici commerciali veneziani.

Forse, dopo aver letto l’articolo, ricorderete questa figura. Se passerete di fronte a Palazzo Ducale, in Piazza San Marco, o lo visiterete, vi basterà ricordare che un uomo anziano, considerato dai suoi colleghi senatori il più saggio di tutti, governava un impero fiorente durante il Rinascimento, diventato capitale finanziaria in epoca medievale.

 

Doge's Palace Photo by aglet

Vi basterà ricordare che quell’uomo non era un re né un presidente, un Papa o un duca. Era un Doge.

Aaron Crossley, esperto di beni culturali, si occupa nei suoi lavori delle politiche governative e degli enti preposti in merito alla tutela e della conservazione del patrimonio culturale mondiale. Seguitelo su  Twitter e leggete il suo blog su Venezia, http://keystovenice.wordpress.com/

Foto:
Dennis Jarvis https://flic.kr/p/8YNvZg

Harsh Light https://flic.kr/p/5xTsGu

xiquinhosilva  https://flic.kr/p/6kjHKY

Il consiglio del concierge: volete concedervi una vacanza da re a Venezia? Permeata dal tipico fascino veneziano, la lussuosa Suite San Giorgio Terrace del Luna Hotel Baglioni vi attende per regalarvi viste mozzafiato e servizi speciali.

Leggi anche

 

Inserisci un commento

  • Milano - Baglioni Hotel CarltonPrenota
  • Venezia - Baglioni Hotel LunaPrenota
  • Roma - Baglioni Hotel ReginaPrenota
  • Firenze - Relais Santa Croce Prenota
  • Baglioni Hotel Cala del Porto Prenota
  • Londra - Baglioni HotelPrenota
  • Saint-Paul-de-Vence -
    Hotel Le Saint Paul Prenota
  • Aix-en-Provence - Villa Gallici Prenota