Una giornata indimenticabile a Roma

Rome Colosseum Photo by Marilyn Ricci 640

Per celebrare la nuova campagna di comunicazione Baglioni Hotels  “The Unforgettable Day”,  abbiamo chiesto a Marilyn di condividere con noi il racconto della sua giornata indimenticabile trascorsa a Roma.

Quest’anno ho trascorso a Roma un soggiorno ricco di nuove esperienze. Per prima cosa, mio fratello Michele e sua moglie Roxanne si sono uniti a me per una parte del viaggio. Ero molto emozionata all’idea di condividere il mio amore per l’Italia e l’affetto per i nostri parenti italiani con mio fratello. Avevo aspettato 45 anni prima che questa avventura diventasse realtà.

Durante la seconda giornata del nostro viaggio, sono partita da sola alla scoperta della Città Eterna, mentre Michele e Roxanne hanno visitato il Vaticano. La mia prima tappa è stata in una pasticceria tipica per assaporare la classica colazione all’italiana a base di caffè espresso e cornetto. Come al solito, ho deciso di restare al bancone assieme alla gente del posto. Ho chiesto al signore alla mia sinistra alcuni consigli sulle attrazioni turistiche che avrei potuto visitare quel giorno. Ettore, così si chiamava, mi ha chiesto quante volte fossi stata a Roma. Quando ho risposto che era la dodicesima volta, è rimasto sbalordito. Mi ha detto: “Beh, certo, si fa sempre ritorno al cuore del mondo. Ha mai passeggiato per le strade più nascoste e visitato le chiese meno famose?”

“La cosa che più mi piace fare a Roma è passeggiare, passeggiare e, ancora, passeggiare…”, ho risposto. “Si può trovare un tesoro dietro a ogni angolo.” Gli ho detto che volevo trovare la Chiesa di San Clemente. Mi ha corretto affermando che era molto di più di una chiesa. Era una basilica. Stavo per tirare fuori una cartina quando Ettore mi ha invitata a iniziare la passeggiata assieme a lui. Ovviamente, ho accettato.

“Per prima cosa, andiamo al Colosseo!”, ha esclamato. “Ora che è pulito, è bellissimo. Le mostrerò la strada da percorrere.” Rimango sempre stupita della gentilezza degli italiani, e passeggiare assieme a Ettore è stato un regalo speciale.

Era giugno e c’era un caldo cocente, cosa non insolita per la stagione, mentre ci dirigevamo verso il Colosseo.  Il sole risplendeva sull’edificio ristrutturato di recente e me ne sono innamorata di nuovo.

Tuttavia, la mia meta era un’altra. Dunque, dov’era la chiesa? Dopo avermi indicato la strada alla sinistra del Colosseo, lontano dalla folla, Ettore mi ha salutata con un abbraccio e due baci sulle guance. Penso di aver camminato per circa mezzo chilometro prima di raggiungere la Basilica di San Clemente, dove avevo programmato di fare un viaggio nel tempo alla scoperta della storia di Roma.

Basilica of San Clemente in Rome photo by Marilyn Ricci

Dopo aver salito gli scalini di ingresso della Basilica, ho potuto ammirare l’interno di una splendida chiesa gotica del XII secolo. La basilica era impreziosita da foglie d’oro e da colonne e archi gotici. Era davvero incantevole, e avevo proprio la sensazione di aver fatto un tuffo nel passato. Ma volevo conoscerla ancora di più.

Nel 392, San Girolamo riferì che nella Chiesa di Roma erano conservati i resti di San Clemente. Fu solo nel XIX secolo, quando Padre Joseph Mullooly iniziò a scavare sotto alla chiesa, che si scoprì che San Girolamo parlava di una chiesa totalmente diversa edificata nel IV secolo. La trovò sotto alla struttura gotica! Ho iniziato il mio viaggio percorrendo una rampa di scale che mi ha portato indietro nel tempo.

Photo by Marilyn Ricci

Sono scesa in questo mondo buio e umido e, sin da subito, ho avuto la sensazione di sentire i fantasmi dei primi cristiani che pregarono in questo luogo santo e impiegarono qualsiasi cosa a loro disposizione per crearne la struttura. I resti degli edifici romani hanno amplificato ulteriormente le sensazioni che ho provato durante questa esperienza.

Photo by Marilyn Ricci
Sembrava persino che ci fosse un antico centurione romano di guardia.

Photo by Marilyn Ricci
E ho potuto ammirare ancora i colori originali di questa opera d’arte.

Photo by Marilyn Ricci

Mentre passeggiavo da sola, sono comparsi altri turisti. Eravamo tutti estasiati di fronte a questo luogo di culto del IV secolo così ben conservato. E non è finita qui, perché il viaggio nel tempo è continuato.

Photo by Marilyn Ricci

Mi sono addentrata ancora di più nella storia degli antichi Romani, ossia nella storia della mia famiglia italiana. Sotto alla struttura del IV secolo, sono infatti presenti i resti di una zona commerciale romana risalente al I secolo che fu convertita in un Tempio di Mitra nel II secolo.

Photo by Marilyn Ricci

Non sapevo cosa aspettarmi. Era molto fresco e umido laggiù e persino spettrale. All’inizio ero completamente sola al piano più basso. Era inquietante. Sembrava proprio che mi fossi trasportata in un altro luogo.

In qualche modo, i mattoni disposti a spina di pesce e una caraffa rotta suscitavano in me la sensazione di essere nel I secolo.

Broken water jug Photo by Marilyn Ricci

Anche la lunga arcata mi conduceva indietro nel passato.

Roman archway Photo by Mrilyn Ricci

In questo luogo, tutti i giorni, gli antichi Romani avevano passeggiato, avevano lavorato, avevano venduto e comprato. Più tardi, nel II secolo, sempre in questo luogo avevano pregato. Qui venne collocato l’altare del dio Mitra che uccide il toro e chissà cos’altro vi accadde.

Mentre salivo e raggiungevo di nuovo il livello dell’attuale città romana, mi sembrava di ritornare pian piano al presente. Ho lasciato la basilica e mi sono diretta nuovamente verso le rovine romane e il Colosseo, per unirmi alle enormi frotte di turisti.

Photo by Marilyn Ricci

Volevo protrarre la sensazione di questo viaggio nella storia antica, anche se ero immersa in una moltitudine di suoni, auto e persone. Ho camminato di fianco al foro, ho riempito la bottiglietta che porto sempre con me presso una delle fontane di acqua gratuita e ho raggiunto i Mercati di Traiano, dove mi sono seduta all’ombra. Ho incontrato diversi viaggiatori che hanno avuto la mia stessa idea. Mi è piaciuto molto guardare le famiglie con bambini piccoli mentre si arrampicavano sui muri di roccia, ridevano e si inseguivano. Sono certa che scene di questo tipo erano comuni anche all’epoca degli antichi Romani.

Photo by Marilyn Ricci

Sono italo-americana. Alcuni dei miei parenti vivono a Roma e sento che il mio cuore appartiene all’Italia e, forse, all’Impero romano, soprattutto oggi. Ho pensato a cosa stessero provando mio fratello e mia cognata mentre visitavano questa città fantastica. Stavano scoprendo cosa significa essere un romano, un vero italiano. E quella stessa sera avrebbero incontrato alcuni dei nostri parenti romani per la prima volta.

Dopo un po’ di riposo, aver bevuto un po’ d’acqua e aver fatto una chiacchierata con altri viaggiatori, ho iniziato la salita che mi conduceva alla stazione Termini di Roma per incontrare Michele e Roxanne. Poiché ero in anticipo, ho fatto un giro di oltre mezz’ora all’interno di quella stazione enorme e fumosa, dove sembrava che ci fossero rappresentanti di ogni nazione. L’atmosfera era tranquilla e piacevole, rallegrata da una cacofonia di lingue che echeggiavano tra le pareti di cemento.

Ci siamo incontrati al piano inferiore e abbiamo preso la metropolitana fino alla stazione Tiburtina, dove ci stavano aspettando i nostri cugini, Adelina e Daniele.  Hanno abbracciato e baciato mio fratello e sua moglie come fossero figlioli prodighi! Poi siamo andati in auto a casa dei loro genitori, Vincenzo e Celeste. La loro famiglia è la prima che ho incontrato in Italia 45 anni fa. Condividere il mio affetto per loro con mio fratello ha suscitato in me una fortissima emozione. E sapevo che sia lui che sua moglie si sarebbero arricchiti con questa esperienza.

Family - Photo by Marilyn Ricci

Celeste e Vincenzo hanno salutato i nuovi componenti della famiglia con baci e abbracci. Dato che non parlano una parola di inglese, ho cercato di tradurre con il mio modesto italiano quando Vincenzo mi ha detto che mio fratello era molto più bello di me e che, per questa ragione, si sarebbe seduto di fianco a lui durante la cena.  Poi ha detto che anche Roxanne era bella e che, pertanto, avrebbe preso posto di fianco a suo marito. Vincenzo aveva uno sguardo furbo, proprio come me lo aspettavo. Siamo tutti scoppiati a ridere e ci siamo seduti a tavola.

L’aperitivo era a base di prosciutto, formaggio, fichi freschi e, ovviamente, vino. Durante la cena abbiamo parlato della nostra famiglia negli Stati Uniti e dei nostri parenti a Roma e in Abruzzo.

Per la portata seguente, avevano preso quattro confezioni di tranci di pizza per sette persone. Potevamo scegliere fra i gusti più disparati. Celeste ha disposto tre tranci per piatto. Vincenzo aveva preparato anche dei rotolini di melanzane, un piatto che nessuno di noi tre aveva mai provato. Ci ha spiegato che aveva affettato le melanzane longitudinalmente, le aveva immerse nell’olio e le aveva lasciate riposare per alcune ore. Quindi aveva steso le fette su un tagliere, le aveva cosparse di formaggio e le aveva arrotolate. Dopo aver disposto i rotolini su una teglia rettangolare, li aveva cosparsi di salsa di pomodoro fatta in casa e li aveva cotti al forno. Erano deliziosi!

Mio fratello si è innamorato della nostra famiglia italiana e dell’Italia, così come era accaduto a me tanti anni prima. Sembrava che il tempo fosse tornato al 1971, quando ero arrivata a Roma per la prima volta. È stato davvero un piacere incontrare questi parenti perduti da tempo e anche loro sono stati felicissimi di vederci. E, per me, condividere questa esperienza con mio fratello ha avuto un valore inestimabile.

Che giornata indimenticabile a Roma! Sono una donna fortunata!

–Marilyn Ricci è un’italo-americana purosangue con doppia cittadinanza italiana e americana.  In passato, ha lavorato come cantante professionista, specialista di nuove costruzioni per un’agenzia immobiliare e tuttofare. Oggi è la fondatrice di Take Me Home Italy, un’azienda che organizza viaggi esclusivi e personalizzati per tutti coloro che desiderano vivere un’esperienza autentica in Italia. L’azienda fornisce inoltre assistenza agli italo-americani che vogliono trovare la famiglia di origine. Seguila su Facebook e Twitter. Il suo maggiore traguardo nella vita è stato essere la madre di sua figlia e la nonna di sua nipote.  Il suo prossimo obiettivo: trasferirsi in Italia nel gennaio 2017.

 

Il consiglio del concierge: vuoi vivere anche tu un’esperienza indimenticabile come Marilyn? Prenota il nostro Sweet Suite e regalati un soggiorno indimenticabile all’insegna del relax e del lusso pernottando tre notti in una splendida Suite firmata Baglioni Hotels.

Se non state già seguendo Baglioni Hotels su Facebook, passate a cliccare su Mi piace. Troverete tanti contenuti interessanti per tutti gli amanti dell’Italia.

 

Save Save Save Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Leggi anche

  • Bergamo An inclined stree tedited

    Alla scoperta di Bergamo - Un’indimenticabile gita in giornata da Milano

    Bergamo può essere comodamente visitata in giornata da Milano, ed è raggiungibile in treno in meno di un’ora. Questa pittoresca città medievale conta 120.000 abitanti ed è situata in Lombardia, [...]

  • 2_Regina_Hotel_Baglioni_Lobby 640

    VINCI un’indimenticabile giornata di lusso italiano con @Baglioni_Hotels

    Concorso su Twitter in esclusiva per i lettori di Italian Talks: in palio una notte GRATIS in un albergo di lusso! Hai sempre sognato di pernottare in un hotel di lusso dal tradizionale sapore [...]

  • Monteverdevecchi 640

    Una giornata perfetta a Monteverde, Roma

    Roma è stata lo scenario di alcuni degli eventi storici di maggior rilevanza mondiale e vanta un’architettura stupefacente, nonché una deliziosa tradizione culinaria. Considerata da molti [...]

  • Rome Panorama Photo by Michael David

    Impressioni di Roma

    Ho visitato Roma per la prima volta quasi 30 anni fa, ma da allora vi ho fatto ritorno troppo poco. Sono tanti i luoghi da vedere nel mondo, e il tempo non è mai abbastanza… Così, recentemente [...]

 

Inserisci un commento

  • Milano - Baglioni Hotel CarltonPrenota
  • Venezia - Baglioni Hotel LunaPrenota
  • Roma - Baglioni Hotel ReginaPrenota
  • Firenze - Relais Santa Croce Prenota
  • Baglioni Hotel Cala del Porto Prenota
  • Londra - Baglioni HotelPrenota
  • Saint-Paul-de-Vence -
    Hotel Le Saint Paul Prenota
  • Aix-en-Provence - Villa Gallici Prenota